Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a sfogliare i giochi Arc acconsenti a usare i nostri cookie. Ottieni maggiori informazioni Ignora
Stai usando un browser non supportato. Alcune caratteristiche potrebbero non funzionare correttamente. Per favore controlla il nostro elenco di browser supportati per una migliore esperienza. Ignora

Neverwinter

Dev Blog: Le rovine della Città sotterranea

Di clearmind
lun 19 feb 2018 07:00:00 PST

La città sotterranea è una nuova area emozionante da esplorare nel nuovo modulo di Neverwinter: Lost City of Omu. Questi tunnel labirintici si espandono sotto la città in rovina e sono pieni di antichi santuari, mostri feroci e tesori! Il responsabile dei contenuti e Loremaster Randy Mosiondz e il responsabile dell'arte ambientale Nate Herzog vi portano nuove informazioni su questa località sepolta. 

 

Randy: Omu è stata un gioiello nella corona di Chult, rivaleggiando per commercio con Porto Nyanzaru. Gli abitanti di Omu costruirono una ricca città con un sontuoso palazzo per la famiglia reale. Gli abitanti di Omu erano invidiati da molti e si crogiolavano per la loro condizione.

Ma la loro avidità e la loro superbia fece sì che Ubtao, il dio di Chult, li abbandonasse. Senza il supporto del loro dio, gli abitanti di Omu caddero vittima di piaghe e malattie. Con l'assenza di Ubtao, gli abitanti di Omu iniziarono a venerare gli spiriti locali reclusi noti come i nove dei ingannatori, costruendo santuari a loro dedicati sotto la città. Diverse insurrezioni causarono la fuga dei nobili dalla città e, in seguito, Omu venne abbandonata del tutto dai suoi abitanti.

Ma nemmeno gli dei ingannatori poterono impedire la rovina di Omu. Le costruzioni caddero in disarmo e furono invase dai mostri della giungla confinante. Diverse insurrezioni causarono la fuga dei nobili dalla città e, in seguito, anche il resto degli abitanti abbandonò Omu.

La città sotterranea, come è stata chiamata dall'esploratore che recentemente l'ha ritrovata, ha subito i danni peggiori. Diverse sezioni della città sono state separate dai detriti collassati. In alcune aree la vegetazione ha preso il sopravvento, altre sono state allagate e altre ancora sono cadute nei fiumi di lava sottostanti. Anche se è molto pericoloso esplorarla, ci sono ancora molte creature e tesori da trovare: l'eredità perduta di Omu.

Nate: mentre stavo lavorando sull'ambientazione della città sotterranea di Omu, io e Randy volevamo dare a ciascuna delle stanze dei nove santuari un aspetto diverso in modo che ciascuna avesse una disposizione differente, illuminazioni e cieli unici per ogni sezione. Volevamo anche rappresentare ciascun dio con i vari allineamenti, perciò ogni stanza si trova a un'altezza diversa, sottoterra, dandovi la sensazione di scendere sempre più in basso man mano che vi avvicinate al dio caotico malvagio, Wongo il su-mostro.

La stanza del santuario più elevata appartiene a Moa, il jaculi. Moa è un dio onesto e benevolo che non mente mai. In questa stanza volevo avere un'illuminazione proveniente solo da diversi raggi di luce. Le radici che penetrano il soffitto vi danno quella sensazione di vicinanza alla superficie.

Dopodiché c'è la stanza di Shagambi, il kamadan. Shagambi è un dio saggio e selvaggio che non mostra mai pietà per i malvagi. La stanza rimane arredata con fasci di luce e radici, anche se ridotti, e con una sensazione diversa dovuta all'illuminazione e alla nebbia del terreno.

Proseguendo in profondità c'è Kubazan, il froghemoth. Kubazan, un dio selvaggio e irruento che non ha paura di nulla e non teme di correre rischi. I froghemoth sono predatori anfibi grossi quanto elefanti con quattro tentacoli e tre occhi, perciò volevo usare dell'acqua in questa stanza. Visto che si trova vicino la superficie, il fiume che attraversa le rovine di Omu soprastanti, penetra attraverso il soffitto danneggiato.

A ovest e più in basso troverete la stanza di Obo'Laka, la zorbo. Obo'laka è una divinità ossessivo-compulsiva che è eccessivamente schiava della routine. Date le sue tendenze ossessivo-compulsive, noterete che la stanza è pulita, nessuna pila di detriti, terra o sporcizia, proprio come piace a Obo’laka. Questa stanza è ancora più in profondità e troverete solo viticci e radici piccole che crescono attraverso il soffitto.

Proseguendo più in basso c'è la stanza di Papazotl, l'eblis. Papazotl è un dio scaltro e subdolo che non si inchina davanti a nessuno e pretende obbedienza. Dato che gli eblis sono mostruosità enormi simili a uccelli con ali che hanno viaggiato per le giungle di Chult, ho dato a questa stanza un soffitto molto alto con alcuni spazi per atterrare e un condotto che porta in superficie inondando la stanza di luce riflessa dall'alto.

Questa è la stanza di Nangnang, il grung. Nangnang è un dio irrequieto e crudele che non condivide nulla con gli altri. Dato che i grung sono umanoidi anfibi velenosi simili a rane, ho dato a questo spazio dell'acqua che cade dal soffitto, ma avevo anche bisogno che sembrasse calda per la sua vicinanza alla stanza finale e più profonda con la lava.

La stanza centrale appartiene a Unkh, la chiocciola mazzafrusto. Unkh è una divinità egocentrica ed eccessivamente contemplativa che è incapace di prendere decisioni. La luce che penetra dal soffitto da alla stanza della luce blu riflessa che si armonizza bene con la luce delle torce.

A est c'è la stanza di I'jin, l'almiraj. I'jin è un dio volubile e imprevedibile che non segue mai un piano. Ho dato a questa stanza una sensazione di discesa in profondità e implementato un'illuminazione simile alla stanza di Nangnang per alludere a una sensazione di calore.

La stanza più profonda appartiene a Wongo, il su-mostro. Wongo è un dio violento e folle che agisce impulsivamente senza riguardo per gli altri. La stanza stessa è molto pericolosa e gioca sul fatto che Wongo non ha riguardo per voi. I giocatori possono cadere nella lava in qualunque momento se non stanno attenti.

Randy: grazie per averci seguito in questo tour della città sotterranea di Omu! Speriamo che il blog vi sia piaciuto e speriamo che vi divertirete a esplorare la città sotterranea quando Neverwinter: Lost City Omu uscirà!

Randy “Arkayne” Mosiondz
Responsabile dei contenuti e Loremaster

Nathan Herzog
Responsabile dell'arte ambientale

 

neverwinter, nw-news, nw-launcher, nw-steam, nw-lostcityofomu,

Più recenti Altro

Le indagini per un trambusto presso la fortezza di una duchessa portano a una nebbia misteriosa che avviluppa una terra infestata da terrori nella notte...
Leggi altro
Questo fine settimana, terremo un evento di marchi della gilda doppi e uno sconto del 20% sulla categoria Fortezza per farvi massimizzare il tempo speso nella vostra...
Leggi altro
Manca ancora una settimana all’uscita di Neverwinter: Ravenloft ma abbiamo già qualcosa di speciale per voi...
Leggi altro

hover media query supported